domenica 15 marzo 2015

Un inferno infinito

Remix. 


Un inferno infinito

Sempre cara mi fu quest'età media,
e questa selva, che da tanta parte
del retto mio cammino il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando interminate
piagge di là del monte, sovrumane
son belve, e la magrissima lupa,
il leone e la lonza; ove per poco
il cor non si spaura. E come il vento
odo stormir tra queste piante, io quello
infinito maligno a questa voce
vo comparando: e mi sovvien Virgilio,
le sue morte stagioni, e la presente
e viva, e il veltro poi. Così tra questa
grand'empietà s'avanza il duca mio:
lasciate ogni speranza in questo male.


Lyrics: D. Alighieri, G. Leopardi
DJ Set: Elena Tosato, alla consolle

Nessun commento:

Posta un commento