lunedì 20 luglio 2020

Sonetto dell'appendice vermiforme

Sonetto dalle rime difficili sulla mia testè eseguita ecografia addominale di controllo
La subdola appendice vermiforme
che un giorno, ingrossata ed infingarda,
si fe' mostrare all'occhio che la guarda
stizzosa, tumescente e quasi enorme,
seppur non tanto uscita dalle norme
da fare sì che un colpo d'alabarda
potesse pur mozzarla, all'ora tarda
di oggi infine risulta che dorme.
Quel tubicino crudo, cieco e zotico
s'è dunque ben sfinato e non lo vede
la sonda dell'ecografo; nel mentre,
colpito da più giorni d'antibiotico,
si sfiamma, s'addomestica e recede,
non più causando coliche nel ventre.

domenica 5 luglio 2020

Sonetto sul capannone

Ove ci si ricorda delle proprie origini venete e si scrive un sonetto caudato.
Il capannone 
Campagna, te go dito, la ghe gera
tuta qua intorno; forse resta
sottesa ai vincoli, poi, di cartapesta,
del lavorare finché viene sera.
È tutta roba fatta, e vita vera,
è quello che ci cova nella testa
e non c’è mai nessuno che protesta,
non c’è nessuno che dice che spera
in anime diverse. Fato puìto,
e che el governo me staga distante.
Son vivo come devo, e non saprei
davvero esser altro. L’infinito
è dato in poche cose, non in tante:
mi sò el paron qua dentro, co’ i me’ schei,
e dica pure lei,
e chi non ha da dire, el varda e el tasa.
È questo che fa il mondo, mondo e casa,
che gravita e si intasa
fin dentro un ordine senza ragioni
ch’è campi e giorni e notti e capannoni.

mercoledì 17 giugno 2020

Sonetto lacero contuso

...di quando ho sbattuto la testa sulla finestra, ieri sera, e sono dovuta andare in pronto soccorso dove mi hanno messo quattro punti

Sonetto lacero contuso
Non ero che una solida finestra
aperta in faccia al mondo, nella sera,
come un presente ostinato che spera
e che al futuro s'aggrappa e s'addestra;
ma sento un colpo che già mi sequestra
dai miei umori lenti, dalla nera
parvenza della notte. È cosa vera?
Risuona come un maglio in un'orchestra
d'armi e dolori e fatti senza senso.
Vedo - c'è carne, lì sotto, che langue;
c'è pelle che si volge in modo crudo,
c'è l'attimo staccato dall'immenso
trascorrere del tempo: si fa sangue.
Aspetto, vibro un po', poi mi richiudo.

sabato 6 giugno 2020

Sonetto dell'otite

Sonetto dell'otite
(e sono anche andata a controllare che non fosse un sintomo di covid)
O sordido pulsare nell'orecchio
che porgi suoni continui e ronzanti,
molesti, temutissimi e pulsanti
che d'universi interni sono specchio;
tu, male antico, nuovo e ancora vecchio
che m'aggredisce, con venti tonanti
ed un rugliare cupo, con vacanti
sconquassi d'equilibrio, se sonnecchio
e pur non dormo (ci provo, non riesco),
se resto sveglia, dolente e contratta!
Ma vattene da me, malanno folle
che batte l'aria torta in arabesco;
ed io mi copro i timpani d'ovatta,
altro sperando, paziente, già molle.

sabato 23 maggio 2020

Requiem per l'amatriciana

REQUIEM PER L'AMATRICIANA
di Elena Tosato featuring Giorgio Agamben

Come avevamo previsto, l’amatriciana si fa sempre più spesso con la pancetta. Quello che per un osservatore attento era evidente, e cioè che la cosiddetta libertà culinaria sarebbe stata usata  come pretesto per la diffusione sempre più pervasiva di ingredienti eterodossi, si è puntualmente realizzato.
Non c’interessa qui la conseguente trasformazione dell’amatriciana, in cui l’elemento del guanciale, in ogni tempo così importante nel rapporto fra cuochi e semplici appassionati, scompare definitivamente, come scompaiono le discussioni collettive nei corsi di cucina, che erano la parte più viva dell’insegnamento. Fa parte della barbarie alimentare che stiamo vivendo la cancellazione  dalla vita di ogni esperienza dei sensi e la perdita del gusto, durevolmente  imprigionato in un’accondiscendenza facile alla reperibilità nei supermercati. 
Ben più decisivo in quanto sta avvenendo è  qualcosa di cui significativamente non si parla affatto, e, cioè, la fine della tradizione culinaria come forma di vita. L’amatriciana è nata nel Lazio come specialità della zona di Amatrice – provincia di Rieti –  e a questa deve il suo nome. Quella dell’amatriciana era, cioè, innanzitutto una forma di vita, in cui determinante era certamente la provenienza dalla gricia, ma non meno importante erano l’incontro e l’assiduo scambio tra Rieti e Napoli, che ha consentito l’unione tra il guanciale e il pomodoro San Marzano. Questa forma di vita si è evoluta in vario modo nel corso dei secoli, ma costante, dal Settecento all’Italia post unitaria, era la dimensione sociale del fenomeno. Chiunque ha mangiato un piatto di bucatini all’amatriciana sa  bene come per così dire sotto i suoi occhi si legavano amicizie e si costituivano, secondo gli interessi culturali e politici, piccoli gruppi di affezionati ed estimatori,  che continuavano a incontrarsi anche dopo la fine del pasto.
Tutto questo, che era durato per quasi tre secoli, ora finisce per sempre. 
Di  ogni fenomeno sociale che muore si può  affermare che in un certo senso meritava la sua fine ed è certo che l’amatriciana era giunta a tal punto di diffusione e di ignoranza che la forma in cui arrivava nel piatto si era conseguentemente altrettanto immiserita. Tre punti devono però restare fermi:
1. i cuochi che accettano – come stanno facendo in massa – di sottoporsi alla nuova dittatura alimentare e di sostituire il guanciale con la pancetta sono il perfetto equivalente dei docenti universitari che nel 1931 giurarono fedeltà al regime fascista. Come avvenne  allora, è probabile che solo quindici su mille si rifiuteranno, ma certamente i loro nomi saranno ricordati accanto a quelli dei quindici docenti che non giurarono.
2. I buongustai che amano veramente la tradizione culinaria locale dovranno rifiutare di cibarsi di pietanze così trasformate e, come all’origine, costituirsi in nuove tabernae, all’interno delle quali soltanto, di fronte alla barbarie alimentare, potrà restare viva la parola del passato e nascere – se nascerà – qualcosa come una nuova cultura.
3. E non provate a metterci la cipolla, stronzi.

lunedì 18 maggio 2020

Sonetto del distanziamento

Sonetto del distanziamento


È una cesura improvvisa, bugiarda,
che regola lo spazio e lo rifonda.
Ci prende, ci soppesa, poi ci sonda,
ci definisce mobili; si azzarda,

nel movimento che vago si attarda
a far giocare gli affetti di sponda,
a ricavarne una storia profonda.
Nodi allentati di gente che guarda,

che lancia altrove le proprie parole,
così ci rende, ed intanto cerchiamo
nuovi strumenti d’antica alleanza,

sgranando queste ombre lunghe e sole,
unite all’orizzonte. E qui proviamo
già le lusinghe del tatto a distanza.

giovedì 14 maggio 2020

Sonetto sulla mascherina

Sonetto sulla mascherina

Poiché siam fatti tutti come pezzi
vissuti di teatro, o come riti
di morti apparecchiate, o adibiti
a camuffare sempre sensi e vezzi,

eccoci dunque costretti nei mezzi
più muti, e sulle bocche ricuciti,
di nuove maschere. Siamo riusciti
a fare sì che il vento ci carezzi

lo stesso, che il profumo ci attraversi
se non nell’aria, di già nel ricordo;
e che permanga compiuta e non taccia

ogni espressione che rende diversi
i volti e i nomi impressi nell’ingordo
aspetto sottostante della faccia.